Registrati
Accedi
Arte e Cultura
Avventura
Enogastronomia
Natura
Relax e divertimento
Religione
Sport
Storia
Tradizione
home
format_list_bulleted
Cosa fare
restaurant
Mangiare e Bere
event
Eventi e Sagre
store
Artigiani
map
Esperienze e Itinerari
hotel
Dormire
format_list_bulleted

Borgo medievale di Pianiano a Cellere

Centro Storico
Preferito
Borgo medievale di Pianiano
Indirizzo
FRAZ. PIANIANO DI CELLERE (VT)
Pianiano
IndicazioniIndicazioni
Descrizione
Arroccato su una piccola rupe, affacciato su un bosco di castagni, sorge il minuscolo Borgo medievale di Pianiano, frazione di Cellere da cui dista soltanto 4 km.

Dalle caratteristiche tipiche della cittadella etrusca, questo borgo racchiuso entro le mura castellane conserva un vecchio castello interamente modificato, e la Chiesa altomedievale di San Sigismondo, di cui rimangono l'abside e parte di una colonna del baldacchino dell'altare. Al suo interno custodisce la tela "Madonna degli Albanesi" del Settecento, e una notevole acquasantiera con tre gigli farnesiani che ricordano l'appartenenza del borgo alla famiglia dei Farnese e al Ducato di Castro.

Un tempo, si accedeva al borgo mediante una doppia porta, situata alle estremità del Ponte che successivamente è stato interrato, e di cui oggi è possibile scorgere il profilo. Il Palazzo signorile aveva un cortile corrispondente all'odierna piazza principale; le arcate del suo loggiato sono ancora visibili dalla strada che conduce a Cellere.

La storia moderna di Pianiano, molto simile a quella di Cellere, risale al periodo medievale quando, durante gli scontri per il predominio del territorio, si affermarono i Farnese che lo annessero al Ducato di Castro. Verso la fine del Seicento il borgo, infestato dalla malaria, venne abbandonato dai suoi abitanti; tornò ad essere abitato solo nel 1754, quando Papa Benedetto XIV assegnò il feudo ad una colonia di oltre 200 rifugiati cristiani provenienti dall'Albania ottomana, in fuga dalle persecuzioni religiose dei turchi. Questi, trovando Pianiano sepolto dalla vegetazione, lo trasformarono da silvano ad agricolo.

Oggi il borgo conta 11 abitanti ed una sola attività all'interno delle mura: una bottega artigianale che produce splendidi diari con le copertine dei paesaggi da cartolina del borgo. 

Il fascino autentico che ancora conserva, attira ogni anno numerosi visitatori da ogni dove, soprattutto in occasione degli eventi estivi che qui hanno luogo ogni anno: il festival di musica, arti e spettacolo "Musa" (patrocinato anche dalla Regione Lazio) e la ventennale cena medioevale di fine agosto lungo le due vie del borgo, con degustazione di piatti tipici locali preparati dagli abitanti del paese. 

Curiosità

  • Il borgo di Planiano ha dato i natali al brigante Domenico Tiburzi, noto come "Re del Lamone".

  • Il toponimo del borgo deriverebbe - secondo alcuni studiosi - dal latino Planium Dianae, in onore della dea della caccia e dei boschi essendo stato Pianiano un territorio silvano. 

  • Del passaggio degli Albanesi, oltre alla tela custodita nella Chiesa di San Sigismondo, rimane il nome di una via a loro intitolata: via degli Albanesi

  • Secondo una leggenda, sepolta sotto i tufi vi sarebbe la monumentale tomba della principessa Rasenna.

Borghi vicini a Cellere (VT)
In primo piano
Festa del 1 Maggio
Feste
MAG
01
location_on CELLERE (VT)
Convivio nel Borgo medievale di Pianiano
Sagre
AGO
21
location_on FRAZ. PIANIANO DI CELLERE (VT)
Passeggiata tra gli Olivi
Evento culturale
OTT
01
location_on CELLERE (VT)
Torciata di San Giuseppe
Evento culturale
MAR
17
location_on PITIGLIANO (GR)