Registrati
Accedi
Arte e Cultura
Enogastronomia
Relax e divertimento
Religione
Storia
Tradizione
home
format_list_bulleted
Cosa fare
restaurant
Mangiare e Bere
event
Eventi e Sagre
store
Artigiani
hotel
Dormire
format_list_bulleted

Villa Melzi d'Eril a Bellagio

Ville e Palazzi Storici
Preferito
Villa Melzi d'Eril
Indirizzo
BELLAGIO (CO)
Lungo Lario Manzoni
IndicazioniIndicazioni
Descrizione
La storica Villa ottocentesca Melzi d'Eril, di proprietà dell'omonima famiglia e oggi appartenente al suo ramo Gallarati Scotti, è stata dichiarata assieme alla proprietà circostante, Monumento Nazionale.

L'intero complesso ospita, oltre alla residenza: una cappella, i giardini, l'aranciera oggi adibita a museo, una collina-pineta. Aperti al pubblico sono i giardini, la cappella e il museo.

La Villa presenta una splendida scalinata a doppia rampa con quattro leoni di stile egizio. Al suo interno ospita un dipinto di Francesco Melzi ed uno di Napoleone primo console del 1803, più due busti in bronzo raffiguranti Giuseppe e Giulia Parravicini, tutti opera di Andrea Appiani. Tra le opere d'arte, raccolte da Francesco Melzi, vi sono un Van Dyck, un Rubens e un Van Ruysdael. Esternamente, sul terrazzo e nel parterre, spiccano due statue in marmo del Cinquecento, raffiguranti Apollo e Meleagro, attribuite allo scultore Guglielmo della Porta.

I giardini all'inglese - che si estendono per 800 metri lungo la costa del lago tra il borgo di Bellagio e la frazione Loppia - furono progettati dall'architetto Luigi Canonica e dall'agronomo Luigi Villoresi, responsabili anche della sistemazione del Parco della Villa Reale di Monza. Ricchi di sculture e di piante rare ed esotiche - come alberi secolari, siepi di camelie, boschi di azalee, rododendri giganti, pietre e monumenti, imbarcazioni e vari pregevoli cimeli - presentano anche una sorta di "giardino orientale" con un laghetto di ninfee. Tra le sculture, varie statue egizie e un chiosco in stile moresco con i busti degli imperatori d'Austria Ferdinando I e Marianna di Savoia, e del duca Lodovico Melzi con la consorte Josephine Melzi Barbò, ultimi proprietari della casata Melzi prima del passaggio alla famiglia Gallarati Scotti. Di fronte al chiosco, un monumento a Dante e Beatrice opera di Giovan Battista Comolli. 

In origine contingua ai giardini, poi separata dalla strada comunale, era la collina-pineta, che si estende verso la frazione di Aureggio.

A nord-est della Villa si trova il Museo - ex aranciera, ovvero una serra per le piante di aranci - che custodisce preziosi cimeli del periodo napoleonico, come il busto dell'imperatore, le chiavi della città di Milano, alcune stampe della Milano napoleonica, i cannoni della prima campagna d'Italia del 1796, rari reperti archeologici e due affreschi rinascimentali di provenienza lariana.

La cappella gentilizia sorge a sud-ovest del giardino, e conserva le spoglie della famiglia Melzi d'Eril. In questo tempio neoclassico potrete ammirare notevoli sculture come il palio d'altare con la statua di Cristo Redentore di Giovan Battista Comolli, e i monumenti funerari. Nella parete nord esterna, è stata murata la porta dell'antica casa Melzi di Milano, attribuita a Bramante, con una lapide di famiglia. Di fronte al portale spicca un fregio in pietra del Duecento, con i simboli dei quattro Evangelisti, appartenente un tempo alla vicina chiesa di Santa Maria in Loppia. 

Curiosità

  • Di fronte al monumento a Dante e Beatrice, il compositore ungherese Franz Liszt, ospite di Villa Melzi, compose la Sonata a Dante (1847-1855).

Borghi vicini a Bellagio (CO)
In primo piano
La Castagnata
Sagre
OTT
09
location_on PEDESINA (SO)
Transumanza verso Morterone - Patrimonio UNESCO
Evento culturale
MAG
01
location_on MORTERONE (LC)
Sagra di San Giovanni o dei Lumaghitt 
Sagre
GIU
19
location_on BELLAGIO (CO)
Festa degli Alpini
Feste
LUG
24
location_on FRAZ. SAN GENESIO DI COLLE BRIANZA (LC)