Registrati
Accedi
Arte e Cultura
Enogastronomia
Natura
Relax e divertimento
Religione
Storia
Tradizione
home
format_list_bulleted
Cosa fare
restaurant
Mangiare e Bere
event
Eventi e Sagre
store
Artigiani
map
Itinerari
hotel
Dormire
map

La Via della Pietra a Sant'Andrea di Conza

Centro Storico
Preferito
La Via della Pietra
Indirizzo
VIA SAN MARCO - 83053 SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Via San Marco
Orari
Durata itinerario: 2 ore
Orari
Pro Loco Terra di Sant’Andrea +39 389 250 6640
Tappe itinerario
Indirizzo partenza
VIA SAN MARCO - 83053 SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
PARTENZA
Tappa - Tappa 1 - Arco della Terra / Porta della Terra
Tappa 1 - Arco della Terra / Porta della Terra
DA FARE
a piedi
Tappa - Tappa 2 - Guardiano della Memoria
Tappa 2 - Guardiano della Memoria
DA FARE
0,05 Km - a piedi
0,05 Km
Tappa - Tappa 3 - Monumento ai Caduti della Grande Guerra
Tappa 3 - Monumento ai Caduti della Grande Guerra
DA FARE
0,17 Km - a piedi
0,17 Km
Tappa - Tappa 4 - Castello Medioevale e Veduta Panoramica
Tappa 4 - Castello Medioevale e Veduta Panoramica
DA FARE
0,06 Km - a piedi
0,06 Km
Tappa - Tappa 5 - Fontana della Villa Comunale
Tappa 5 - Fontana della Villa Comunale
DA FARE
0,08 Km - a piedi
0,08 Km
Tappa - Tappa 6 - Sambuco Centro Storico
Tappa 6 - Sambuco Centro Storico
DA FARE
0,25 Km
0,25 Km
Tappa - Tappa 7 - Borgo Antico
Tappa 7 - Borgo Antico
DA FARE
0,25 Km - a piedi
0,25 Km
Tappa - Tappa 8 - Facciata in Pietra Pro Cattedrale San Michele
Tappa 8 - Facciata in Pietra Pro Cattedrale San Michele
DA FARE
0,15 Km - a piedi
0,15 Km
Tappa - Tappa 9 - Le Figure Grottesche
Tappa 9 - Le Figure Grottesche
DA FARE
0,15 Km - a piedi
0,15 Km
Tappa - Tappa 10 - Il Portale Biforcale
Tappa 10 - Il Portale Biforcale
DA FARE
0,20 Km - a piedi
0,20 Km
Tappa - Tappa 11 - I Posaceneri in Pietra
Tappa 11 - I Posaceneri in Pietra
DA FARE
0,20 Km - a piedi
0,20 Km
Tappa - Tappa 12 - Purgatorio
Tappa 12 - Purgatorio
DA FARE
0,30 Km - a piedi
0,30 Km
Descrizione
Una parte della storia di Sant’Andrea di Conza viene narrata attraverso gli elementi di pietra lavorata presenti nel paese, opere di abili scalpellini che avevano come base una cultura fatta di regole classiche ed antiche ... . Regole che non potevano e dovevano essere derogate. Il loro era un lavoro fatto di precisione e di qualità; un lavoro che era molto lontano da espressioni oggi inflazionate quale “ottimizzazione alla produzione”, “riduzione dei tempi” o “fretta”, che erano ai tempi del tutto sconosciute.

Tappa 1 - Arco della Terra / Porta della Terra

L’Arco della Terra o Arco della Terra riveste particolare valore artistico-architettonico-ambientale essendo l’unica porta d’ingresso al paese tuttora esistente, realizzata tra XVI ed XVII secolo. Ancora oggi tutte le strade che dall’Arco della Terra portano al complesso Episcopale hanno conservato la struttura di quel periodo, dando luogo ad un armonioso mucchio di case basse, vicoli e scalinate, il tutto arricchito di elementi architettonici e decorativi in pietra locale (Breccia Irpinia, Favaccio, Favaccina).

Di particolare interesse sono i balconi in pietra e i vari portali che affiancano la “via”.

Tappa 2 - Guardiano della Memoria

Il manufatto, utilizzato come elemento di reimpiego, è situato ad immediato ridosso della fontana monumentale di Piazza Umberto I.

Si tratta di un monumento funerario realizzato in pietra calcarea locale (breccia irpina) raffigurante un leone a grandezza quasi naturale. La scultura, logorata dal tempo e fuori dal contesto al quale era destinato, che tuttora rimane ignoto, doveva presentarsi in posizione eretta, con la testa volta leggermente a sinistra, le fauci spalancate e gli occhi incavati; mutilo della coda e privo delle zampe, la parte posteriore della testa presenta una folta criniera costituita da riccioli ed onde.

Il leone, a cui faceva probabilmente da pendant una figura similare di cui non vi è traccia, costituiva l'apparato decorativo di un sepolcro monumentale e si caratterizza per un forte significato simbolico, assolvendo la funzione di custode del sepolcro, nonché di guardiano nobile dell'estinto.

Per gli elementi iconografici e di stile, l'esemplare rientra senza dubbio nella serie di quelle sculture leonine a tutto tondo di grandi dimensioni, derivate da modelli greci e microasiatici della tarda classicità, documentati sia al nord che nel centro-sud della penisola e risalenti ad un periodo compreso tra il 50 a.C. e il II sec. d.C .

La scultura, opera probabilmente di una maestranza specializzata attiva a Compsa e nel suo territorio, trova confronti con due esemplari ormai scomparsi rinvenuti in un fondo agricolo in località Piano delle Briglie, all'interno del territorio di Conza della Campania; un leone a grandezza quasi naturale staziona anche davanti al palazzo municipale di Lioni.

Ulteriori produzioni di questa tipologia sono attestate, inoltre, in area apulo-lucana ed anche in quella campano-sannitica.

Tappa 3 - Monumento ai Caduti della Grande Guerra

Dedicata ai caduti della guerra mondiale, fu inagurata il 19 Ottobre 1924. E’ alta sette metri, sormontata dalla statua di bronzo raffigurante la “giovane Italia”. L'opera è stata donata dagli emigranti del Nord America e del Sud America. Il piedistallo, interamente in pietra, eseguito dall’artista locale Francesco D’Angola, sorregge un leone ferito.

Tappa 4 - Casa “Bellino” Via C. Battista (Via di Calitri)

Ricostruita più volte, la casa doveva avere una facciata simmetrica, con la porta centrale più grande e due laterali più piccole, sormontate da finestre minute. Di particolare pregio sono le opere di D’Angola e Nunzio Cignarella: portale in pietra con serpente, i balconi, gli anelli per legare i muli e i cavalli.

Tappa 5 - Fontana della Villa Comunale

Piazza Pallante con la villetta e le case del comune prende il nome dal benefattore Francesco Pallante che finanziò la sua realizzazione alla fine degli anni Cinquanta . Di fronte alla vecchia sede del Municipio si trova un giardino, all’interno del quale vi è una fontana di pietra locale con zampino centrale. L’intera piazzetta, con la sua elegante linearità, esprime l’arte e la competenza delle maestranze santandreane dell’epoca. Basti pensare le quote su cui sorgono, sapientemente rispettate e valorizzazione della pietra locale quale elemento distintivo e rinomato della tradizione locale.

Tappa 6 - Sambuco Centro Storico

Da qui parte il “centro storico”, pieno di portali, finestre e particolari in pietra. I portali spesso sono quelli più semplici o detti trittico. Spesso sono formati da due piedritti e dall’architrave avente la stessa sezione rettangolare. Il centro storico si può raggiungere da piazza Pallante e annessa Villetta, attraverso il rione Sambuco, che prende il nome dalle omonime piante esistenti da sempre nella zona. Niente racconta meglio questo rione della poesia scritta da M. Michele Iannicelli per l’amico Totonno emigrato in Australia, in cui si esalta il valore dell’amicizia e l’affetto per quel luogo magico.

Tappa 7 - Borgo Antico

Partendo da Largo Abruzzese, le strade che portano verso Largo Castello (Borgo Antico) sono piene di portali, formati da piedritti di varie foggia, ornati con pregevoli decorazioni di pietra. Spesso gli architravi sono del tipo a tutto sesto e vanno dai più semplici, ad esempi particolarmente lavorati. A volte alcune finestre hanno forme strane, utilizzate solo per far entrare un po’ di luce nelle case.

Tappa 8 - Facciata in Pietra Pro Cattedrale San Michele

La Facciata della Chiesa di San Michele, presa in considerazione nella “Via della Pietra”, dal punto di vista architettonico è tra le più belle presenti nel territorio irpino. Ha i cantonali in pietra squadrata con faccia vista in pietra locale. L’elemento decorativo più significativo è il portale, con lo stemma arcivescovile e due ordini sovrapposti, ripartiti da lesene con bellissimi capitelli.

Tappa 9 - Le Figure Grottesche

In giro per il paese ci imbattiamo in alcune figure grottesche, conosciute come maschere apotropaiche o mascheroni. Sono in genere presenti in antiche masserie di campagna, nelle piazze, nelle fontane, ma anche su architravi delle facciate di abitazioni. L’uso dei mascheroni è di origini antichissimo e ad essi viene attribuito il potere di scongiura, di allontanamento o annullamento degli influssi maligni e della malasorte. Tra i simboli apotropaici ricorrenti, si riportano anche il leone e la conchiglia: il primo rappresenta il potere, forza riferita anche alla stirpe della famiglia, mentre la seconda evoca l’accoglienza.

Tappa 10 - Il Portale Biforcale

Come tutto il centro storico, la strada ha diversi portali in pietra. Di particolare rilevanza il portale “biforcale” che nasce da un’unica pietra, chiuso da un “concio a chiave” con lo stemma della famiglia Cignarella. Il concio a chiave viene spesso utilizzato per rappresentare figure di animali o stemmi di famiglia.

Tappa 11 - I Posaceneri in Pietra

Qui accanto viene rappresentato uno dei tanti posaceneri presenti nel paese, realizzato in pietra locale e lavorato dall'artigiano locale Michele Perriello (detto Cecchin) che produce tutti pezzi unici, ognuno nel suo genere. Creati da mani esperte, con un pizzico di fantasia ed originalità, abbelliscono il borgo grazie alla promozione e alla sponsorizzazione dell’Associazione Lu Faucion.

Tappa 12 - Purgatorio

La Croce in Pietra del Purgatorio probabilmente esisteva fin da epoche remote, simile a quella presente a Conza della Campania. Per l'importante significato simbolico che veniva attribuito, fu risistemata nel 1741 dove si trova attualmente, come si deduce dall’iscrizione che reca su di essa, ossia nel quartiere Purgatorio, proprio sulla biforcazione della strada principale di uscita verso Andretta e verso Conza.

Curiosità

  •  Durante il percorso è possibile vedere diverse varietà di “Breccia Irpina”.
Continua a leggere
Questa sezione contiene suggerimenti di itinerari. Le informazioni contenute hanno carattere puramente indicativo e possono contenere errori o inesattezze. Prima di cominciare l'escursione, accertarsi sempre delle effettive condizioni del percorso e delle condizioni meteo. Scegliere sempre escursioni adatte alle proprie capacità e al proprio allenamento. Si declina ogni responsabilità per fatti derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute in questa scheda. Le escursioni sono effettuate sotto l'esclusiva responsabilità dei singoli escursionisti.
Itinerari consigliati
La Via della Fede
CENTRO STORICO
Luogo partenza 83053 SANT'ANDREA DI CONZA AV
Durata media Durata media: 2 ore, mezza giornata
La Via dell'Acqua
CENTRO STORICO
Luogo partenza LOCALITA' LA FONTE (SORGENTE)
Durata media Durata media: 2 ore, mezza giornata
Enogastronomia
Luogo partenza Sant'Andrea di Conza
Relax e divertimento
Luogo partenza Sant'Andrea di Conza
Borghi vicini a Sant'Andrea di Conza (AV)
In primo piano
Mercato di Villa d’Agri/Marsicovetere
Mercati
location_on MARSICOVETERE
Geomuseo in Piazza - Trekking ecologico
Evento culturale
location_on ROCCA DI CAVE (RM)
16:30
Rievocazione della battaglia napoleonica di Camolli
Evento culturale
APR
26
location_on PORCIA (PN)
Festa in onore della Madonna di Servigliano (maggio)
Feste
MAG
10
location_on MONTEMURRO