Registrati
Accedi
Mappa attività Corleto Perticara (PZ)Mappa
Arte e Cultura
Avventura
Enogastronomia
Natura
Relax e divertimento
Religione
Sport
Storia
Tradizione

Corleto Perticara (PZ)

Sostieni il borgo
format_list_bulletedCosa fare
restaurantMangiare e Bere
directions_busTrasporti
hotelDormire
Guarda altre fotoGuarda altre foto
Foto Corleto Perticara (PZ)
BENVENUTO A CORLETO PERTICARA, IL BORGO CON LA PRIMA BANDIERA DELL'UNITA' D'ITALIA IN TERRA LUCANA!

Corleto Perticara è un borgo lucano di 2.523 abitanti, che sorge a 757 m s.l.m. nella Valle del Sauro, immerso nella natura lussureggiante dell'Appennino Lucano. Il suo territorio è circondato da vigneti, uliveti, boschi e montagne e vanta innumerevoli sorgenti d'acqua ...

Corleto Perticara è caratterizzato da un ricco paesaggio boschivo e da suggestivi calanchi, che formano uno scenario naturalistico di grande impatto. Oltre il torrente Fiumarella e fino alla Cima di San Pietro, potrete ammirare interessanti formazioni argillose ed arenarie, evidente testimonianza geologica del Miocene. Per gli amanti delle passeggiate nella natura, il territorio offre vari percorsi di trekking, come quello che costeggia il torrente Favaleto, che si snoda tra gli alberi di cerro. Seguendo lo scroscio dell'acqua, incontrerete l'antico mulino di Favaleto operativo fino al 1940, ed una fragorosa cascata. Proseguendo verso il bosco di faggi e cerri della Montagna Grande, gli amanti del birdwatching potranno osservare vari affascinanti esemplari di uccelli rapaci come i nibbi e i gheppi. Il percorso continua fino a giungere alle pendici del Monte Auro, dove sorge la chiesetta della Madonna della Montagna, verso la quale i corletani nutrono una profonda devozione.

Passeggiando fra i rioni del borgo antico, potrete osservare alcuni resti del Castello Ducale che ne ricordano la passata funzione difensiva. Sui suoi ruderi sorge oggi il Palazzo degli Uffici ove ha sede il Municipio, nella moderna Piazza Plebiscito nota come "u fuòss" - il fosso - proprio perché costituiva un tempo il fossato che circondava la roccaforte. Qui è stato istituito il Museo comunale Michele Lacava, custode della storica bandiera dell'insurrezione lucana, il cimelio più importante di quegli eventi che hanno segnato la storia del borgo, della Regione e dell'Italia intera. 

Corleto Perticara vanta anche un ricco patrimonio ecclesiastico, di cui è da secoli depositaria in particolar modo la seicentesca Chiesa Madre di Santa Maria Assunta. L'edificio religioso presenta un caratteristico campanile a due piani con cupola arabeggiante di influenza arabo-normanna, ed una facciata moderna con mattoncini in cotto a vista, ricostruita a seguito dei bombardamenti del 1943 ed impreziosita da tre rilievi in stucco del pittore e scultore lucano Sebastiano Paradiso. Splendidi i portoni in legno intarsiato del maestro ebanista Domenico Donnoli. Al suo interno, di impianto barocco, è interamente affrescata da dipinti realizzati nel '900 da Sebastiano Paradiso, ispiratosi alla celebre Assunzione di Tiziano della Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia. 

Il borgo di Corleto Perticara è questo e molto altro ancora...

Curiosità

  • Corleto Perticara è noto per la storica insurrezione del 16 Agosto 1860, con la quale la Basilicata venne annessa alla monarchia sabauda prima ancora dello sbarco di Giuseppe Garibaldi nel Mezzogiorno. 

  • La toponomastica del borgo fa riferimento ai giorni del Risorgimento; alcuni esempi: Via del Comitato, Via 16 agosto, Sopportico della Bandiera. 

  • A Corleto è conservata la prima bandiera dell'Unità d'Italia, testimonianza del suo illustre passato.

  • Esiste un curioso legame tra l'"eroe dei due mondi" Giuseppe Garibaldi e Corleto Perticara. Nel corso della storia, Garibaldi, eletto per ben nove volte deputato in Italia e una volta in Francia, nel 1864 fu deputato proprio a Corleto.

  • A Corleto si trova la dimora che ospitò la sede del Comitato Insurrezionale Centrale lucano, che organizzò e coordinò le attività cospirative in Basilicata, sotto la guida del patriota corletano Carmine Senise il quale, nel successivo stato unitario, ebbe una brillante carriera istituzionale coronata dalla nomina a senatore assieme al fratello.

  • Il borgo, in quanto crocevia di rilevanza logistica, fu colpito dai bombardamenti statunitensi durante la seconda guerra mondiale, che distrussero il 60% delle abitazioni. 

  • Tra le lavorazioni artigianali, degna di nota è quella del ferro battuto.

Citazioni 

  • Il paesaggio ha qui una sua malinconica ed aspra bellezza. Cit. Renato Albanese, in Viaggio in Basilicata, Vie d'Italia, 1956.

  • Zi Nick vuol dire Zio Nicola: è il nome del corletano generoso, arricchitosi in America, che, tornando al paese, ha voluto fare un così dilettevole dono regalando il cinematografo ai suoi concittadini. I corletani, però, di carattere sentimentale, amano soprattutto i film a sfondo napoletano e musica di canzoni passionali. Così se da Zì Nick si dà uno dei soliti film americani con spreco di pistolettate e parata di cappelloni alla cowboys, il cinematografo di Corleto rimane semideserto. Cit. Renato Albanese, in Viaggio in Basilicata, Vie d'Italia, 1956.

  • Narrasi che ai tempi degli Angioini avesse Corleto una forte rocca, ove si rifugiassero gli insorti a favor di Corradino, e a loro scampo, dopo la pietosa sua fine: ma al sopraggiungere dell’esercito di Carlo D’Angiò, què del luogo ignominiosamente mettessero le mani addosso a centosei di què rifugiati, e inermi li recassero a’ nemici i quali n’appiccarono cento e tre: li tre superstiti, ch’erano dè più notabili, furono inviati a Melfi e colà precipitati dall’alto di una torre: Giannone ed ogni altro storico di quell’età. Il tremuoto del 57 ruinò in Corleto più edifici, e tolse dodici viventi. Fu nel 1860 il centro di della egregia rivolta che la regione, anco innanzi sbarcasse nel continente il Garibaldi, compiè e sola contro gli sgherri del Borbone, siccome è narrato dal Racioppi nella Istoria dè moti di Basilicata e delle provincie contermini nel 1860, altrove citata e ch’è a giudizio nostro uno dè più eleganti e dè più profondi libri che sieno venuti in luce in questi tempi. Cit. E. Pani Rossi, in La Basilicata, 1972.


Cenni Storici
Dalle ricerche storiografiche dello storico di Corleto Perticara, Enrico Ierardi, l'attuale centro riportato con il toponimo "Corneto" nelle carte dell'epoca, ha origine nel secolo XIV, in tarda età angioina. Successivamente diviene "Cornito", probabilmente per le selve di cornioli "Corneta" o delle selve di nocciole "Coryletas" ancora presenti nella zona. Menzionato nel Registro dei Baroni, sotto Guglielmo il Buono era già munito del Castello di cui oggi restano solo poche arcate, inglobate nel Palazzo degli Uffici antistante Piazza Plebiscito. Il secondo toponimo "Perticara" si aggiunge al primo in conseguenza del fatto che Corleto accoglie una parte della popolazione sopravvissuta alla distruzione, da parte degli Angioini, dell'antica Perticara, città munita di fortezza nella quale avevano trovato rifugio gli insorti a favore di Corradino di Svevia.

Negli anni antecedenti a tale evento, precisamente nell'anno 1250, morto Federico II che nell'anno 1231 aveva promulgato a Melfi le famose "Costitutiones", gli succede il figlio Corrado IV, successione che, in conseguenza della morte precoce di quest'ultimo avvenuta nel 1254, si riapre a favore del figlio Corradino che sarà l'ultimo discendente della Casa Sveva a regnare nella Regione. Infatti Carlo d'Angiò, fratello di Luigi IX Re di Francia, che nel 1256 aveva avuto da papa Clemente IX il regno di Napoli e la Sicilia, sconfigge a Benevento nel 1266 Manfredi, figlio naturale di Federico II, ed uccide Corradino di Svevia due anni dopo. Con la discesa degli Angioini, la Basilicata diviene teatro di lotte strenue tra i fautori dei nuovi sovrani ed i fedeli alla Casa Sveva. Perticara viene completamente distrutta, ed i suoi abitanti si rifugiano in parte a Corleto ed altri nella vicina Guardia. Le feroci repressioni di Carlo d'Angiò non riescono però ad estirpare facilmente le robuste radici del partito svevo, che si batte in favore di Costanza, figlia di Manfredi, andata in sposa a Pietro II d'Aragona. Durante il successivo periodo di dominazione degli Angiò-Durazzo, quasi tutta la Basilicata diviene feudo della famiglia Sanseverino e di altre famiglie. Corleto che, come si legge nel Registro dei Baroni, pagava al Monastero della SS. Trinita di Venosa una decima annuale consistente in una notevole quantità di frumento ed orzo per ogni aratro, diventa feudo dei Sanseverino e, a seguito del matrimonio di Giovanna con Carlo Ruffo, passa nei tenimenti del nuovo casato. Sotto gli Aragonesi diventa feudo dei Sanframondi ed al tempo di Carlo V feudo dei De Castella. Successivamente diviene "Camera Riservata a Marchesato" di Casa Costanzo, con privilegio del 15 marzo 1601. Nel 1644 passa nelle disponibilità del barone Carlo Selvago ed infine nel 1659 con atto di compravendita passa alla Casa Riario. Corleto, feudo dei Riario, vive con grande sofferenza la dominazione dei Francesi e degli Spagnoli che si contendono il Regno di Napoli, conquistato nel 1695 da Carlo VIII. Gli spagnoli conservarono il dominio del regno di Napoli fino al 1734, anno in cui Carlo III di Borbone sale sul trono e vi rimane fino all'Unità d'Italia. La borghesia illuminata lucana segue in quegli anni con viva partecipazione il processo di unificazione della penisola.

Continua a leggere
Corleto Perticara informa:
    

Portale turistico di Corleto Perticara

Il Comune ringrazia Federica Massaro per parte del materiale fotografico

Eventi e Sagre
Monologo teatrale 'Il Caso Tenco'
Evento culturale
APR
13
location_on VIGGIANO (PZ)
ore 20:30
Festa della Madonna del Sauro
Feste
MAG
01
location_on GUARDIA PERTICARA (PZ)
Dalle ore 10:00
I Festa dei sapori tramutolesi
Sagre
MAG
04
location_on TRAMUTOLA (PZ)
dalle ore 17:00
Festa della Madonna del Vetere (maggio) e Fiera Mercato
Feste
MAG
05
location_on MOLITERNO (PZ)
Visualizza tutti
Cosa fare
Cappella della Natività della Vergine Maria (Santa Domenica)
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo CORLETO PERTICARA (PZ)
L'Arco degli Insorti e gli 11 archi
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo CORLETO PERTICARA (PZ)
Il Palmento
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo CORLETO PERTICARA (PZ)
Museo comunale Michele Lacava
Musei e Siti Archeologici
Luogo CORLETO PERTICARA (PZ)
Visualizza tutti
Itinerari consigliati
Pietra Iaccata icona cuore
Luogo partenza CORLETO PERTICARA (PZ)
La Valle delle Pietre icona cuore
Luogo partenza GUARDIA PERTICARA (PZ)
Il Bosco dell’Amendola icona cuore
Luogo partenza GUARDIA PERTICARA (PZ)
Visualizza tutti
In primo piano
B&b La Foresteria cuore preferiti
CORLETO PERTICARA (PZ)
Bed & Breakfast
local_parkingParcheggio
free_breakfastColazione inclusa
da 35€
B&B Le Arcate cuore preferiti
CORLETO PERTICARA (PZ)
Bed & Breakfast
B&b Casa Magaldi cuore preferiti
CORLETO PERTICARA (PZ)
Bed & Breakfast
local_parkingParcheggio
free_breakfastColazione inclusa
da 50€
Convil Hotel cuore preferiti
CORLETO PERTICARA (PZ)
Hotel
Borghi vicini a Corleto Perticara (PZ)
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato su questo borgo!