Registrati
Accedi
Mappa attività Noepoli (PZ)Mappa
Arte e Cultura
Enogastronomia
Relax e divertimento
Religione
Storia
Tradizione

Noepoli (PZ)

Sostieni il borgo
format_list_bulletedCosa fare
restaurantMangiare e Bere
directions_busTrasporti
hotelDormire
Foto Noepoli (PZ)
BENVENUTO A NOEPOLI, IL BORGO COL PICCOLO CANYON DELLA BASILICATA! 

Noepoli è un piccolo borgo lucano della provincia di Potenza di poco più di 770 abitanti. Situato a 676 metri s.l.m., sorge incastonato tra pareti di pietra arenaria rossa, nel cuore della Val Sarmento, e comprende le frazioni di Filocastagno e Sicileo Scazzariello ...

Il borgo, attorniato da imponenti guglie di roccia che si stagliano verso l’alto, formate nei millenni dallo scorrere impetuoso delle acque del fiume Sarmento, fa parte della Comunità Montana Val Sarmento e offre ai suoi visitatori paesaggi incredibili e scenari sorprendenti, tanto da essere paragonati a quelli del Gran Canyon americano: famose sono le cosiddette “Timpe” di Noepoli, conosciute anche come “piccolo Canyon”, tra cui si distingue la massiccia Timpa Forata che mostra in maniera evidente i segni dei processi di erosione. 

Il territorio di Noepoli è reso ancor più suggestivo dalle colline ricche di vigneti e oliveti e dai maestosi boschi adagiati sui suoi pendii: ricade, infatti, nel Parco Nazionale del Pollino e si caratterizza per una vegetazione particolarmente rigogliosa, attraversata da sentieri e percorsi che si addentrano tra i frondosi alberi di faggio e castagno, meta ideale per gli amanti delle passeggiate, a piedi o in bicicletta, e per gli appassionati di trekking ed escursionismo. Non mancano le opportunità per praticare rafting e parapendio e molti altri sport all’aria aperta. 

Potrete recarvi presso il Bosco Farneta, dove nel periodo autunnale è possibile andare in cerca di funghi e raccogliere castagne, o potrete avventurarvi tra i verdeggianti pini loricati fino alla cima di Serra di Crispo, denominata il “Giardino degli Dei”, con la possibilità di vedere volteggiare nei cieli falchi pellegrini, gheppi, picchi, e di intravedere, tra le foglie e gli arbusti, cinghiali, caprioli, scoiattoli, lontre, istrici e altre specie tipiche dell’Appennino Lucano.  

Abitato tra l'VIII e il VII secolo a.C. dall’antico popolo degli Enotri, il centro di Noepoli, solitario e silenzioso, si suddivide in due zone: la “città vecchia”, fortificata con due porte di accesso, che si sviluppa sul colle attorno all’antico Castello feudale del Quattrocento – situato proprio all’ingresso del paese e oggi sede del Municipio – con le caratteristiche case in pietra di un tempo dotate del forno familiare esterno, e il borgo detto “Casale”, che si trova ai piedi del colle ed è costituito da abitazioni piccole e modeste. 

Di fronte al maniero, meglio noto come Palazzo Vitelli, dotato di un magnifico portale in pietra con ornamenti settecenteschi e che conserva al proprio interno una pietra tombale del Trecento raffigurante un guerriero chiamato dai noiesi “Iacuvill”, nel luogo dove si erge una delle torri di guardia oggi troverete la panoramica Piazza Marconi, nota anche come “la Torretta”, che si affaccia dall’alto sulla Valle del Sarmento, offrendo scorci di impareggiabile bellezza. 

Noepoli, oltre al Castello, vanta opere architettoniche e artistiche di grande pregio, tramandate da secoli di storia. Gli edifici sacri, in particolare, impreziosiscono le sue vie e sono il segno della profonda religiosità che permea la vita del borgo sin dai tempi passati. Presso il torrente Rubbio, ad esempio, immersi in un paesaggio quasi lunare per la presenza di alcune creste argillose, resistono i ruderi del Monastero di Santa Maria della Saectara, risalente molto probabilmente al X-XI secolo, mentre a pochi chilometri dal centro abitato, in località Calorio, sulle mura esterne di una casa colonica, si conserva un Cristo del XV secolo

Di grande interesse artistico sono anche la cinquecentesca Chiesa Madre della Visitazione della Beata Vergine Maria, dove potrete ammirare pregiate statue lignee di San Francesco e San Domenico, risalenti al Seicento, e quella della Madonna dell’Immacolata del Settecento, oltre ad un bellissimo affresco raffigurante la Madonna con Bambino; la cinquecentesca Cappella della Madonna del Rosario, situata nel Rione Casale, che conserva splendide opere lignee; e la Cappella della Madonna di Costantinopoli, che sorge poco fuori il paese e risale forse al Quattrocento, adornata da una cupola e da una lanterna in stile orientale e realizzata dai frati Francescani. 

Da non perdere gli affascinanti murales, realizzati tra i vicoli dall’artista locale Vincenzo Blumetti con l’intento di tradurre la storia e i racconti di Noepoli in immagini, e i palazzi d’epoca, come il Palazzo Signorile del XVII secolo, appartenuto ai signori Pignatelli e attualmente denominato Palazzo “De Cicco”, e il Palazzo Rinaldi, casa natale del giurista Antonio Rinaldi, abbellito da un portale del 1845 e dall'antico stemma gentilizio che simboleggia la giustizia.  

Il borgo di Noepoli è questo e molto altro ancora... 

Curiosità

  • La patrona di Noepoli è la Madonna di Costantinopoli che viene festeggiata ogni 6 agosto

  • Anticamente il borgo si chiamava Noja, dal latino “Novium” – terra umida e ricca adatta al pascolo –, e solo nella seconda metà dell’Ottocento, dopo l'abolizione del feudalesimo e il benestare del re Vittorio Emanuele II, mutò il suo nome in Noepoli, che significa “città nuova” in greco. 

  • Il borgo all’inizio del Novecento subì un forte spopolamento, a causa del gran numero di abitanti che emigrò verso gli Stati Uniti d'America. Qui, molti noiesi rimasero vittime del tragico incidente minerario avvenuto nel dicembre 1907 a Monongah, nella Virginia Occidentale

  • Tra i piatti tradizionali di Noepoli spiccano le fave con le cicorie, le “lagane” e ceci, i fusilli con la mollica, l'agnello accompagnato coi funghi, la “ciambotta”, il pane ripieno di verdure, e il baccalà con i peperoni “cruschi” IGP di Senise. Da provare sono i salumi tipici, come la soppressata, resa ancor più saporita dall’utilizzo del peperoncino, e gli ottimi vini locali, tra cui il rinomato Aglianico del Vulture DOC

  • Noepoli ha dato i natali al giurista e politico Antonio Rinaldi, deputato al Parlamento dal 1882 e autore di diverse opere di storia e diritto. Originario del borgo è anche il professore e poeta Raffaele Carlomagno, a cui si deve la raccolta di poesie in dialetto noiese “Mënërigghië”, che significa “frammenti”, “rimanenze”, in cui racconta storie e momenti della sua infanzia vissuta nel borgo. Tra le composizioni, celebre è “U munnë i Rusënellë”, trasformata in murale dall’artista Vincenzo Blumetti. 

  • Noepoli, insieme ad altri tre comuni potentini - San Severino Lucano, Latronico e San Paolo Albanese - partecipa al progetto “Artepollino un altro Sud: le nuove forme d’arte”, ospitando grandi opere artistiche permanenti. Tra queste, Giuseppe Penone ha ideato il “Teatro Vegetale”, ancora in fase di sviluppo, posto in mezzo al verde nel territorio del borgo, tra la collina e la fiumara del Sarmento, e nato con l’intento di ospitare rappresentazioni teatrali in uno scenario naturale particolarmente suggestivo. 

Continua a leggere
Eventi e Sagre
Festa della Madonna della Stella
Feste
MAG
08
location_on SAN COSTANTINO ALBANESE (PZ)
Sagra dell'Abete in onore di Sant'Antonio da Padova
Evento culturale
GIU
08
location_on ROTONDA (PZ)
Infiorata
Evento culturale
GIU
13
location_on ROTONDA (PZ)
Festa della Madonna del Pollino
Feste
LUG
01
location_on SAN SEVERINO LUCANO (PZ)
Visualizza tutti
Cosa fare
Palazzo Vitelli (o Castello di Noepoli)
Castelli e Fortezze
Luogo NOEPOLI (PZ)
Chiesa della Beata Vergine Maria della Visitazione
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo NOEPOLI (PZ)
Murales di Noepoli
Centro Storico
Luogo NOEPOLI (PZ)
Santuario della Madonna del Pantano
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo SAN GIORGIO LUCANO (MT)
Visualizza tutti
Itinerari consigliati
Itinerari da suggerire a San Paolo Albanese (PZ)? icona cuore
NATURALISTICO
Luogo partenza SAN PAOLO ALBANESE (PZ)
Itinerario da San Costantino Albanese a Casa del Conte icona cuore
NATURALISTICO
Luogo partenza SAN COSTANTINO ALBANESE (PZ)
Durata media Durata media: 5 ore, 1 giorno
Itinerario ai Giardini Rocciosi icona cuore
CENTRO STORICO
Luogo partenza SAN SEVERINO LUCANO (PZ)
Durata media Durata media: 1.5 ore, mezza giornata
Itinerario del Centro Storico del borgo di San Chirico Raparo icona cuore
CENTRO STORICO
Luogo partenza SAN CHIRICO RAPARO (PZ)
Visualizza tutti
In primo piano
Ristorante - Pizzeria Il Fosso Di Cafaro Domenico cuore preferiti
NOEPOLI (PZ)
Pizzeria
lunedì: Chiuso | martedì: 11–00 | mercoledì: 11–00 | giovedì: 11–00 | venerdì: 11–00...
B & B Romantico cuore preferiti
NOEPOLI (PZ)
Bed & Breakfast
Tre querce cuore preferiti
NOEPOLI (PZ)
Ristorante
lunedì: Chiuso | martedì: 11–14:30,17–00 | mercoledì: 11–14:30,17–00 | giovedì:...
Borghi vicini a Noepoli (PZ)
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato su questo borgo!