Registrati
Accedi
Mappa attività Sant'Andrea di Conza (AV)Mappa
Arte
Enogastronomia
Natura
Relax
Religione
Storia
Tradizione

Sant'Andrea di Conza (AV)

Sostieni il borgo
format_list_bulletedCosa fare
restaurantMangiare e Bere
directions_busTrasporti
hotelDormire
Guarda altre fotoGuarda altre foto
Foto Sant'Andrea di Conza (AV)
BENVENUTO A SANT'ANDREA DI CONZA, IL BORGO DELLA PIETRA, DELL'ACQUA E DELLA FEDE!

Sant'Andrea di Conza è un borgo dell'Irpinia che conta circa 1.400 abitanti ed è situato nella valle dell'Ofanto, sul contrafforte che divide la Campania dalla Basilicata, a 665 metri di altitudine ... . Il suo territorio è ricco di sorgenti d'acqua che nel passato alimentavano un complesso sistema di mulini.

Il borgo è tradizionalmente conosciuto per la laboriosità e l'ingegno dei suoi abitanti. Numerosi i laboratori e le piccole officine artigianali che specie nel passato - seppure solo in parte - limitavano l'eterna piaga dell'emigrazione. Un tempo Sant'Andrea di Conza era infatti nota per la presenza di scalpellini abili nella lavorazione artistica della pietra e del ferro. E sono proprio gli elementi di pietra lavorata che si possono ammirare passeggiando per "La Via della Pietra", a raccontare una parte della storia del borgo antico.

L'altro percorso che bisogna assolutamente fare per scoprire il passato del borgo è basato su un suo elemento centrale: l'Acqua. "La Via dell'Acqua" parte dalla sorgente La Fonte, in direzione del centro storico. Lungo il percorso ci si imbatte in ruderi di mulini, fontane, lavatoi e opere varie realizzate con la locale "Breccia Irpina". Non a caso Sant'Andrea è stata terra dei mulini; nel centro abitato se ne potevano contare ben sei e il loro funzionamento era legato alla presenza delle sorgenti. Nella parte alta del paese e a valle della sorgente La Fonte da cui prende il nome, si può ammirare l'ottocentesco Mulino La Fonte, rimasto attivo fino agli anni Cinquanta del secolo scorso, resistendo perfino ai terribili terremoti che hanno interessato l'Alta Irpinia, come quello del 23 Novembre del 1980. Questo Mulino, archetipo dell'economia rurale, delle tradizioni popolari, antropologiche ed architettoniche di Sant'Andrea di Conza, è stato riconosciuto come bene culturale e come tale sottoposto a tutela. Il paese è ricco anche di fontane, una in ogni rione, tra le quali la più caratteristica è quella a quattro bocche di piazza Umberto I, a cui il poeta e scrittore Luigi Limongelli ha dedicato la bellissima poesia "Mamma Fontana". 

Un ultimo percorso all'interno del borgo è in fase di definizione e si chiamerà "La Via della Fede". Sant’Andrea di Conza è stata sede arcivescovile e, nella sua parte più alta, aveva un tempo la sua “cittadella religiosa”, con l’Episcopio, il Seminario metropolitano ed il Convento. Particolarmente interessante è l’Episcopio, risalente al 1200 ed ampliato nel 1500. Il palazzo, oggi sede dell'amministrazione comunale, era un tempo la sede degli arcivescovi di Conza e preserva un cortile interno racchiuso da un muro di cinta con dei bei giardini ed una torre.

Il borgo di Sant'Andrea di Conza è questo e molto altro ancora...

Curiosità

  • All’ingresso del paese si trova la fornace Clemente-Malanga, un'antica fabbrica di mattoni che testimonia la tradizione artigianale della comunità locale, ovvero la lavorazione della pietra da taglio.

  • Circa 60 anni fa, l'acqua della fontana a quattro bocche di Piazza Umberto I veniva regolarmente bevuta e utilizzata in cucina; i bambini dell'epoca avevano dato un nome a ciascuna delle sue bocche: la prima a sinistra era quella di Gesù, la seconda della Madonna, la terza del diavolo (probabilmente perché scarsa come portata) e l'ultima di San Giuseppe.

Citazioni famose

  • [A proposito di Sant'Andrea di Conza] "...un nido di usignolo, terra d’incanto che ha generato uomini di eccezione in ogni campo del sapere, dell’affettività, della capacità nelle officine e nei commerci, nella pastorizia, nei campi e in ogni altra attività sociale". Cit. Luigi Limongelli in Pulcinella di paese, 1950.


Cenni Storici
Le prime notizie documentate sul borgo di Sant'Andrea di Conza risalgono al 1161, quando il Conte Gionata di Conza donò la chiesa e le terre intorno, insieme a tutti i suoi abitanti, alla Mensa arcivescovile di Conza, di cui Sant'Andrea divenne feudo.

Il centro feudale ha seguito la vicenda del territorio alternando la sua dipendenza da antiche famiglie feudali alla Chiesa di Conza. Dopo esser stato feudo della Mensa arcivescovile di Conza, passò alla famiglia Del Balzo nel XIV secolo, ai Gesualdo nel XV secolo e, sebbene in parte, le famiglie Ludovisi e Mirelli tra XVII e XVIII secolo. Nel 1560 passò alla "Regia Camera della Sommaria di Napoli" e poi nuovamente alla Mensa arcivescovile di cui ha seguito le vicende storiche e amministrative fino al 1806. Il Centro ha rivestito un ruolo religioso e culturale di rilievo nel circondario poiché fu scelto in seguito come residenza abituale estiva dagli arcivescovi montani, garzie alle migliori condizioni di vita rispetto alla vicina Conza; questi vi fecero edificare l'Episcopato di S. Andrea ed il Seminario.

Con il Rinascimento, Sant'Andrea di Conza si trasformò da Casale in vero e proprio Paese, sviluppandosi intorno alla Chiesa Madre, e registrando un notevole incremento della popolazione. Alla fine del Settecento, la terra di S. Andrea aveva un preciso assetto urbanistico, con le sue emergenze architettoniche, i suoi mulini ad acqua e le sue porte di accesso, tra cui quella tuttora esistente, denominata "porta della terra".
Con la venuta dei francesi e la costituzione della "Repubblica Partenopea", il paese fu inserito nel dipartimento dell'Ofanto con capitale Foggia, nel cantone di Pescopagano.
Nell'età della Restaurazione, dopo una fase di turbolenze sociali civili e politiche, S. Andrea visse una seconda rinascita, soprattutto per merito dell'arcivescovo Michele Arcangelo Lupoli (1818 - 1832).
Il paese ha vissuto anche il brigantaggio e le contrade furono lo scenario di scorribande e tentativi di ribellione di ogni sorta.

La storia di questo secolo è storia comune per tutti i paesi del sud, segnata dalle sue guerre, dalla crisi di lavoro, dall'emigrazione, dalle passioni politiche della giovane democrazia italiana.
S. Andrea ha conservato, comunque, le sue caratteristiche di comunità industriosa per la vitalità, l'ospitalità dei suoi abitanti, la laboriosità e la competenza dei suoi artigiani.

Continua a leggere
Sant'Andrea di Conza informa:
Pagina gestita dalla Pro Loco Terra di Sant'Andrea che ringrazia anche Rosario Cignarella per i contenuti.

Eventi e Sagre
Festa della Madonna del Carmine
Feste
LUG
16
location_on SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Annullata l'edizione di quest'anno, causa Covid-19.
'Tipica' - Percorso enogastronomico
Sagre
AGO
01
location_on VIETRI DI POTENZA (PZ)
Data puramente indicativa - Ogni anno c'è una data diversa
Estate Ricreativa e Culturale di Sant'Andrea di Conza
Evento culturale
AGO
01
location_on SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
21:30
Festa patronale di Santa Maria ad Nives
Feste
AGO
03
location_on ATELLA (PZ)
Visualizza tutti
Cosa fare
Campanile San Michele
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Chiesa dell'Incoronata
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Palazzo dell'Episcopio
Castelli e Fortezze
Luogo SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Convento di Santa Maria della Consolazione
Santuari, Chiese e Monumenti
Luogo SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Visualizza tutti
Itinerari consigliati
La Via dell'Acqua icona cuore
CENTRO STORICO
Luogo partenza LOCALITA' LA FONTE (SORGENTE)
Durata media Durata media: 2 ore, mezza giornata
La Via della Pietra icona cuore
CENTRO STORICO
Luogo partenza VIA SAN MARCO - 83053 SANT'ANDREA DI CONZA (AV)
Durata media Durata media: 2 ore, mezza giornata
La Via della Fede icona cuore
CENTRO STORICO
Luogo partenza 83053 SANT'ANDREA DI CONZA AV
Durata media Durata media: 2 ore, mezza giornata
Alla scoperta della montagna di Buccino icona cuore
NATURALISTICO
Luogo partenza BUCCINO (SA)
Visualizza tutti
In primo piano
Bar del Corso cuore preferiti
Sant'Andrea di Conza (AV)
Bar
Residence Villa Gioia cuore preferiti
Sant'Andrea di Conza (AV)
Bed & Breakfast
Pappatori'a cuore preferiti
Sant'Andrea di Conza (AV)
Ristorante
Da Alfredino cuore preferiti
Sant'Andrea di Conza (AV)
Pizzeria
Ultime notizie
GIRO D’ITALIA, LA STORIA DI “CICCË LA SCIENZË”
Il racconto di A. Muro su quella domenica 23 maggio ‘71: “Il vero partecipante era il castelgrandese Francesco Masi” | Attualità, Basilicata, Blog
MAG
11
done lecronachelucane
Leggi l'articolo
I piatti di Maestro Martino portano in tavola il Medioevo
Otr, Blenio Bellissima e Gastro Bellinzona e Alto Ticino lanciano un progetto per valorizzare la figura del rinomato cuoco ticinese in ottica turistica
MAG
11
done La Regione Ticino
Leggi l'articolo
Al via le lezioni di yoga all’aperto a Bellinzona
Per il quarto anno torna a Bellinzona la proposta estiva organizzata da alcune insegnanti di yoga con lo scopo di far conoscere a un vasto pubblico
MAG
10
done Ticino News
Leggi l'articolo
Aor San Carlo, il 20 maggio a Potenza il decimo forum di Medicina del dolore
"È importante sottolineare come sull’intero territorio regionale solo l’Aor garantisca tecniche innovative finalizzate a gestire il dolore", ha detto il direttore Spera.
MAG
13
done OLTRE
Leggi l'articolo
Non vuole pagare il biglietto: prende a pugni il controllore e sfonda la portiera del bus
Momenti di paura sulla linea Mondragone-Castel Volturno, gestita dall'Air (subentrata alla Ctp, ormai fallita), all'altezza della fermata Torre di Pescopagano: alla fine sono intervenire le forze dell'ordine, anche se l'uomo è riuscito a far perdere le ...
MAG
12
done Fanpage.it
Leggi l'articolo
Picchiano controllore, rompono vetro del bus e fuggono
L’episodio è accaduto sulla linea Mondragone-Castel Volturno. L’uomo, in compagnia di tre amici, era salito a bordo del bus di Air Campania alla fermata di Torre di Pescopagano. Inizialmente non voleva pagare il biglietto. Ne è nata una prima ...
MAG
11
done Il Fatto Vesuviano
Leggi l'articolo
poi sfonda il vetro del bus
Ha sferrato un pugno al controllore, poi con una spranga ha sfondato il vetro della portiera del bus. È accaduto in provincia di Caserta. Un giovane extracomunitario, di circa 30 anni,
MAG
11
done Il Mattino on MSN.com
Leggi l'articolo
Sferra un pugno al controllare, poi sfonda il vetro del bus con una spranga
L’episodio sulla linea Mondragone-Castel Volturno. L’uomo, in compagnia di tre amici, era salito a bordo del bus di Air Campania alla fermata di Torre di Pescopagano. Inizialmente non voleva pagare il biglietto. Ne è nata una prima discussione con ...
MAG
11
done casertace
Leggi l'articolo
Mondragone, Traetto ottiene da Lavanga promessa su scuola e banco farmaceutico a Pescopagano
Mondragone (Caserta) - Tra i propositi inseriti nel programma elettorale del Patto Civico che sostiene la volata alla poltrona di sindaco dell'avvocato
MAG
11
done PUPIA
Leggi l'articolo
Covid in Irpinia - Deceduta anziana di Conza della Campania - Su 2.295 tamponi , positive 419 persone
& È deceduta questo pomeriggio, nell’area Covid dell’Unità Fegato dell’Azienda Moscati, una paziente di 86 anni di Conza della Campania ricoverata dal 17 aprile. ">L'Azienda Sanitaria Locale comunica
MAG
07
done Tu si nat in Italy
Leggi l'articolo
Borghi vicini a Sant'Andrea di Conza (AV)
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato su questo borgo!